Pages Navigation Menu

Il BELLO, il GUSTO, PIACERE E NOVITA'

Agatha Christie e i misteriosi diamanti scomparsi -di Loris Gobbo-

Agatha Christie

No, non è il titolo di un giallo della grande scrittrice britannica Agata Christie. Si tratta di un aneddoto vero, degno però di essere protagonista di un’avventura del meraviglioso Poirot.

Dopo decenni di mistero, solo  nel 2014 si è venuto a sapere che cosa era successo ai famosi gioielli di famiglia di Agatha Christie, di cui si erano perse le tracce.

Agatha Christie aveva scritto nelle sue Memorie su questi gioielli, che facevano parte dell’eredità lasciata dalla madre, e gli aveva descritti meticolosamente: una spilla di Diamante e un anello in trilogy di Diamanti, ambidue in oro bianco.  Dopo la sua morte, questi gioielli non sono stati trovati da nessuna parte neanche dopo la scomparsa della figlia Rosalind.

 

I gioielli di Agatha Christie

I gioielli, risalenti al XIX secolo e creduti persi da tempo, sono stati riportati alla luce con un colpo di scena degno dei suoi ingegnosi romanzi gialli. Jennifer Grant, una appassionata fan si è recata nel 2006 a Greenway, l’amata casa della Christie nel Devonshire, per seguire una vendita all’asta. Non dimentichiamoci che Greenway era la sua casa di vacanza, casa che la scrittrice utilizzava come scenografia in diversi suoi romanzi. La figlia  Rosalind visse nella proprietà fino alla sua morte nel 2004 e fu anche usata nel 2013 per delle riprese televisive con protagonista David Suchet, nella sua ultima apparizione come Poirot per la ITV.

L’asta di gioielli

Come detto, nel 2006 ci fu un’asta nella casa dell’autrice nel Devonshire dove Jennifer Grant si aggiudicò per soli 170 dollari un vecchio baule da viaggio che era appartenuto alla madre della scrittrice. Il baule aveva incise le iniziali del nome della mamma dell’autrice: C.M.M. – Clara Margaret Miller. Il catalogo dell’asta non menzionava  nessun tipo di oggetto al suo interno.

Quando il baule fu consegnato Jennifer Grant scoprì che conteneva alla base una piccola cassaforte nascosta.

Ma non c’erano chiavi e non riuscì in nessun modo ad aprirla, per cui rimase a prender polvere sotto le scale di casa sua per anni.

 

La scoperta

Con i suoi amici, molti dei quali fan di Agatha Christie, Jennifer Grant si divertiva a inclinare la cassa e sentire il rumore di qualcosa che tintinnava. Fra loro giocavano a scommettere cosa ci sarebbe potuto essere dentro e immaginavano oggetti misteriosi ed eccentrici. “Non ero più sicura di volerla aprire perché a quel punto non ci sarebbe stato più il mistero” ha dichiarato la Grant.

Dopo alcuni anni fece dei lavori in casa e le venne in mente che con tanti attrezzi in giro poteva approfittarne e usare un piede di porco per forzare la serratura. Ecco risolto il mistero: aprendo la cassaforte trovò una borsetta da uncinetto con 35  sovrani d’oro e 17 mezzi sovrani d’oro. Ma furono i gioielli, – la spilla e il anello di Diamanti – messi dentro una scatola di cartone a rappresentare un legame personale con Agatha Christie.

I gioielli della madre di Agatha Christie

Ero entusiasta di aver risolto il mio mistero personale. Ho sempre pensato a cosa ci sarebbe stato dentro la cassa, ma mai avrei sognato di trovare Diamanti! Non potevo quasi respirare quando aprii il cartone!“ dichiarò Jennifer. “Ho letto la sua autobiografia e quindi sapevo esattamente cosa stavo vedendo”, ha aggiunto la Grant. “Erano i gioielli della sua mamma, esattamente come venivano descritti. Stavo quasi per svenire!”.

Andrew Thomas, banditore dalla Bearnes Hampton & Littlewood, che si occupò dell’asta del 2006 si disse „perplesso“ dal fatto che il baule non fu studiato a fondo durante il processo di valutazione e trovò la faccenda „quasi irreale“. Invece il nipote della scrittrice, Mathew Prichard, dichiarò che la nuova proprietaria del baule era „una persona molto fortunata – a cui auguro molta fortuna ancora“.

I gioielli di nuovo in vendita

La signora Grant decise di vendere i gioielli nel 2014 tramite la casa d’asta Bonhams Knightsbridge. „Come fan di Agatha Christie è una cosa meravigliosa sapere che questi gioielli hanno fatto parte della sua vita. Sono stata felice di averli, ma non li porto così spesso come loro meritano. E allora ho pensato: Perché non lasciare a qualcun altro la gioia di portarli?“

Carole Gordon, direttrice della sezione Gioielleria nella casa d’asta Bonhams Knightsbridge, che ha portato sotto il martello i gioielli con grande successo, afferma entusiasta che la storia della scoperta è „assolutamente meravigliosa“. „Siamo stati molto lieti di poter offrire questi due gioielli, che non solo hanno una provenienza molto illustre ma la storia della scoperta da parte della sua attuale venditrice è del tutto originale“ affermò la direttrice, “L’incredibile prezzo che questi gioielli hanno raggiunto è la ciliegina sulla torta“

L’anello, originariamente stimato attorno alle £5,000 fu venduto a £21,875 mentre la spilla stimata in £8,000 raggiunse le £27,500!

Un altro mistero di Agatha Christie è stato “brillantemente” risolto. In senso letterale, anche se questa volta non da lei!

We use Cookies - By using this site or closing this you agree to our Cookies policy.
Accept Cookies
x